cambiamento_brescia

COME AGIRE IL CAMBIAMENTO

Quando è stata l’ultima volta che hai cambiato qualcosa di te, della tua vita?

Quando è stata l’ultima volta che hai chiuso una porta per aprirne un’altra?

L’aspetto che trovo più interessante quando porgo questa domanda ad una persona che si rivolge a me con l’intenzione di cambiare qualcosa di sé o della propria vita, personale o professionale, sono le risposte a queste domande. Fino ad oggi nessuno ha risposto a questa domanda con il silenzio.

Anzi. Molto spesso le persone mi portano più casi, più situazioni in cui hanno cambiato qualcosa per stare meglio.
Molte volte sento racconti di cambiamenti subiti, non desiderati, cambiamenti, che, però, alla fine si sono rivelati una sorpresa, un dono della vita, un successo.

Cambia tre abitudini all’anno e otterrai risultati fenomenali.
(Anonimo)

Ecco questa frase io la condivido per metà.

Il cambiamenobiettivi-1003x537to al livello degli atteggiamenti è sicuramente importante, sopratutto se voglio eliminare una abitudine negativa e rimpiazzarla con una routine positiva (tipo smettere di fumare o di mangiare male).

Se voglio cambiare davvero come persona, devo, invece, riuscire a lavorare più in profondità.

Le esperienze, spesso quelle negative, sono la principale fonte dei nostri cambiamenti. I cambiamenti subiti.

Senza crisi non c’è merito. E’ nella crisi che emerge il meglio di ognuno, perché senza crisi tutti i venti sono solo lievi brezze. (Albert Einstein)

La crisi fa emergere il meglio di noi, si chiama spirito di sopravvivenza.
Ma oggi non ti voglio parlare della crisi.

Ti voglio, invece, parlare di come si può cambiare consapevolmente, decidendo di cambiare, in profondità. Andando oltre gli atteggiamenti, cambiando, trasformando la propria identità. Cambiare per diventare la persona che si vuole essere.

Es kommt nicht drauf an, wer du bist, sondern wer du sein willst. (Paul Arden)

La traduzione la trovi cliccando qui.

Da quando faccio la coach di profesisone, da quando ho mollato il ruolo di Direttore commerciale, 6 anni fa, sono cambiate molte cose nella mia vita. Alcune le ho indubbiamente subite ma le ho sapute girare a mio vantaggio, cogliendo la sfida come una opportunità, altre le ho cambiate personalmente e l’ho fatto grazie a tre aspetti fondamentali:

MOTIVAZIONE
RESPONSABILITA’
IMPEGNO

Come coach ciò che faccio, nelle sessioni individuali o in quelli di gruppo, è ascoltare e porre domande. Come coach accompagno le persone verso il loro personale cambiamento.

Spesso arrivano da me donne e uomini che hanno letto i best seller del momento, sono stati a convegni super sulla motivazione e sulla felicità, hanno fatto meditazioni guidate ed esercizi di visualizzazione, hanno fatto i compiti a casa, hanno con successo cambiato alcuni loro atteggiamenti.

Eppure. Eppure non sono soddisfatti, non si sentono realmente cambiati. Non sono realmente sereni. Non sono ancora diventati le persone che vogliono essere.
E vengono da me che faccio la coach. Mi affidano la loro vita, questa cosa mi emoziona ogni volta.

Il coaching è un catalizzatore del cambiamento e grazie all’aiuto di un coach riesci a dare significato ad un percorso di sviluppo personale o professionale, riesci a dare significato a quel sogno che “Si va beh Lucilla è solo un sogno, l’ho detto così per dire. Non importa se non ci arriverò mai”.

Un sogno, invece, è una cosa molto molto seria.
La tua volontà di cambiare qualcosa, di lasciare qualcosa per ottenere altro, dice sempre qualcosa di te, esprime sempre qualcosa che vuoi cambiare di te, della tua vita, e questo qualcosa è sempre molto profondo.
Un sogno non vuole cambiare solo un tuo comportamento, una tua abitudine.
Un sogno vuole proprio dirti che ora di ribaltare la tua vita.

 

Come coach ti aiuto ad interpretare cosa sta dietro a quel sogno ed avvicinarti sempre più alla conquista.
Ritorna qualche riga sopra e trovi i tre aspetti sui cui lavoriamo:
motivazione
responsabilità
impegno
– La motivazione, il motivo all’azione che nasconde i tuoi perchè.
– La respons-abilità è l’abilità a rispondere a determinate situazioni. In questo caso tu sei respons-abile di rispondere alla sfida che tu stesso ti stai ponendo. Una persona è responsabile quindi dei propri successi e anche dei propri fallimenti. La persona responsabile non assume scuse o alibi, la persona responsabile non la senti dire “non posso farci niente sono fatto così”. La persona responsabile non la senti dire “Se potessi cambierei lavoro”. No. Questa non è la persona respons-abile.
Il tema della responsabilità è molto profondo e merita un articolo a sè, più avanti arriva anche questo.

Chaussure de marche– E poi c’è l’azione, l’impegno, la disciplina. E qua si sono d’accordo con l’anonimo di qualche riga sopra. L’impegno inizia dalle piccole cose, per cambiare qualcosa di molto profondo in te, inizia a piccoli passi, inizia con un comportamento, un’abitudine alla volta. Ci vuole impegno, ci vuole metodo, il tuo metodo e non la ricetta uguale per tutti. Insieme proviamo, facciamo e disfiamo, sino a trovare il metodo che funziona per te, quello in cui il tuo impegno è garantito.
Motivazione, responsabilità e impegno.

 

Il coach ti porta nelle 5 fasi del cambiamento (che ti spiego nel prossimo articolo) sino al cambiamento cosiddetto rivoluzionario, quello che si concentra sulla tua identità e sulla realizzazione di obiettivi evolutivi tuoi personali o del tuo team.
Come scrivono loro, per esempio, un gruppo con cui ho avuto l’onore di lavorare.

Grazie all’intervento di Lucilla, siamo riusciti a dare luce e concretezza ad idee che prima avevamo, ma che non siamo mai riusciti a portare avanti o a realizzare totalmente. Abbiamo insieme agito un cambiamento davvero rivoluzionario nella nostra struttura! (Associazione musicale L’OTTAVA)

 

Poi ci sono le persone che hanno paura del cambiamento, che stanno comode dove sono, così credono.

La paura è così grande che preferiscono non rischiare.

Queste sono le persone che quando si avvicinano a me lo fanno a piccoli passi, lo fanno con scetticismo, con leggerezza e con sufficienza. Queste sono le persone che, col mio aiuto, raggiungono livelli inimmaginabili. Superano se stesse. Come lei.

Un GRAZIE di cuore per avermi accompagnata in questo pezzo di strada, per avermi acceso dei lampioni quando mi perdevo guardando il marciapiede, per avermi aiutata ad aprire finestre su desideri passati della mia anima e avermi fornito nuovi punti di vista per guardare a situazioni vecchie. 
(Sara G.)

1 Comment
  • […] della matita di Giovanna sul suo diario di viaggio. Sto parlando loro delle 5 fasi del cambiamento. (Leggi anche qua) Quelle fasi che, consapevolmente o meno, attraversiamo quando vogliamo o dobbiamo modificare […]

Post a Comment